blogger kokkie

eadv

martedì 10 aprile 2018

Champions: Snai, 3-0 Roma vale 60,00

 © EPA

 ROMA, 9 APR - Quota alle stelle per la qualificazione della Roma alle semifinali Champions: il 3-0 dei giallorossi domani sera all'Olimpico vale, per i quotisti Snai, 60 volte la scommessa. Il divario tra Roma e Barcellona è abissale anche nella giocata secca sul passaggio del turno: giallorossi qualificati a 33,00, i blaugrana sono a quota 'ingiocabile', a 1,01. Anche le quote sull'esito al 90' non sono molto incoraggianti per la squadra di Di Francesco. La semplice vittoria è data a quota 5,00, mentre il Barça, imbattuto da gennaio, è favorito a 1,65. Il pareggio è invece offerto a 4,25. Praticamente identica la situazione nell'altro quarto di finale in calendario domani, con il City chiamato a una difficile rimonta contro il Liverpool, dopo lo 0-3 dell'andata: la qualificazione si gioca a 5,25 (a 1,15 il passaggio del Liverpool), il risultato giusto per passare, 4-0 in lavagna, è invece dato a 20 volte la posta.

domenica 18 marzo 2018

Probabili formazioni / Napoli Genoa: quote e ultime novità live, Ghoulam sempre ai box (Serie A 29^ giornata)

Probabili formazioni Napoli Genoa (Foto LaPresse)

Non appare affatto lunga la lista degli assenti annunciati in vista della partita tra Napoli e Genoa, posticipo della 29^ Serie A: ecco quindi che sia Sarri che Ballardini non hanno fatto troppa fatica a stilare le probabili formazioni della partita al San Paolo. Per gli azzurri l’unico lungo degente rimane Ghuolam, il cui rientro potrebbe essere già previsto per metà aprile: in dubbio invece Chriches per alcune noie muscolari. Potremmo quindi vedere almeno in panchina Milik, per il quale la data del ritorno in campo si fa sempre più vicina. Un paio di assenti anche per il Genoa di Ballardini: in vista del match dovrebbero infatti rimanere in infermeria Miguel Veloso (problema fisico) e Izzo, questo per una distorsione al ginocchio piuttosto seria. (agg Michela Colombo)

 I MIGLIORI Chi spiccherà tra i fini solisti partenopei e gli “operai” rossoblu? Mertens (17 gol, 6 assist e 61 occasioni) guida la carica offensiva del Napoli contro la difesa rossoblu ancora orfana di Izzo (un gol sull'unica conclusione nella rete avversaria e sette attacchi) e che punta sull'esperienza di Spolli (15 presenze e sei ammonizioni). A centrocampo Laxalt (tre gol, cinque assist e ben 100 proiezioni offensive, può mettere in difficoltà Marek Hamsik (sei gol, undici assist e 32 occasioni da rete create). Koulibaly (miglior difensore del Napoli con quattro reti, 18 attacchi e otto occasioni da gol) deve prestare attenzione a Galabinov (tre reti su 29 conclusioni, oltre a tre assist). Nel Genoa è arrivato a quota tre gol Goran Pandev, che dall’arrivo di Ballardini in panchina ha migliorato esponenzialmente il suo rendimento. Manca un vero bomber però ai Grifoni, finora nessuno è riuscito a superare le 3 reti in campionato. Finora 1 gol e 1 assist per Bessa, arrivato a gennaio dal Verona.

 INFO E ORARIO Napoli Genoa si gioca alle ore 20.45. Le due formazioni daranno vita al San Paolo a un posticipo molto interessante: il Napoli di Maurizio Sarri è infatti chiamato a tornare alla vittoria per continuare a inseguire lo scudetto, diventato più difficile dopo avere raccolto appena un punto nelle precedenti due uscite. Il Genoa di Davide Ballardini non può ancora dare per certa la salvezza, visto che dietro si sono messe tutte a correre: il Grifone dunque cercherà un risultato di prestigio. Andiamo quindi a vedere le probabili formazioni per Napoli-Genoa, dando anche uno sguardo a quote e pronostici per la partita in terra partenopea.

 QUOTE E PRONOSTICO Secondo le quote fornite dall’agenzia di scommesse Snai, il pronostico di Napoli Genoa sarà nettamente favorevole ai padroni di casa partenopei. Infatti il segno 1 per la vittoria del Napoli è proposto alla irrisoria quota di 1,22, mentre si sale molto più in alto per le altre due ipotesi. Già il pareggio (segno X) è quotato a 6,00, in caso di colpaccio esterno del Genoa (segno 2) si arriverà fino a 15,00 volte la posta in palio.

 PROBABILI FORMAZIONI NAPOLI GENOA LE SCELTE DI SARRI Iniziamo la nostra panoramica più dettagliata sulle probabili formazioni dall’undici che manderà in campo il tecnico del Napoli, Maurizio Sarri. Nessun assente per squalifica o infortunio in casa partenopea, ad eccezione del lungodegente Faouzi Ghoulam, mentre per Chiriches c’è da tenere conto di un problema muscolare. Spazio quindi al classico assetto dell’allenatore toscano, il 4-3-3 con Reina in porta, Hysaj e Mario Rui sulle due corsie difensive, mentre in mezzo spazio alla solita coppia di centrali composta da Albiol e Koulibaly. A centrocampo, Jorginho avrà il pallino del gioco in cabina di regia, fiancheggiato da due mezzali di lusso come capitan Hamsik e dal mastino Allan. Infine il solito trio dei Tenori in attacco, Insigne a sinistra, Callejon a destra e Mertens come prima punta da ‘falso nueve’.

 LE MOSSE DI BALLARDINI Vediamo adesso le scelte di Davide Ballardini per il suo Genoa. Ancora assente il difensore Izzo, così come il centrocampista Miguel Veloso: indisponibili di spicco per il Grifone. Rossoblu dunque in campo con un offensivo 3-5-2, dove Pandev e Galabinov saranno i due terminali di riferimento in attacco, mentre larghi sulle due corsie di centrocampo troveremo Rosi a destra, e il solito gioiello Laxalt sulla fascia mancina. In mezzo, l'ex Milan Bertolacci avrà il compito di far “girare” la squadra, affiancato dai due mediani Rigoni e Hiljemark. Infine, spazio alla difesa, con Spolli in mezzo, e Zukanovic e Biraschi a completamento del reparto più arretrato. In porta andrà il solito Mattia Perin, una certezza per il Genoa.

 PROBABILI FORMAZIONI NAPOLI GENOA: IL TABELLINO Napoli (4-3-3): 25 Reina; 23 Hysaj, 26 Koulibaly, 33 Albiol, 6 Mario Rui; 5 Allan, 8 Jorginho, 17 Hamsik; 7 Callejon, 14 Mertens, 24 Insigne. All: Sarri. A disp: 1 Rafael, 22 Sepe, 21 Chiriches, 11 Maggio, 62 Tonelli, 19 Milic, 20 Zielinski, 30 Rog, 42 Diawara, 37 Ounas, 99 Milik, 27 Machach. Squalificati: - Indisponibili: Ghoulam. Genoa (3-5-2): 1 Perin; 14 Biraschi, 2 Spolli, 87 Zukanovic; 20 Rosi, 30 Rigoni, 8 Bertolacci, 88 Hiljemark, 93 Laxalt; 19 Pandev, 16 Galabinov. All: Ballardini. A disp: 23 Lamanna, 17 El Yamiq, 13 Rossettini, 32 Pedro Pereira, 18 Migliore, 40 Omeonga, 24 Bessa, 22 Lazovic, 45 Medeiros, 10 Lapadula, 49 Rossi, 11 Taarabt.

mercoledì 10 gennaio 2018

Roma, Di Francesco: "Nainggolan titolare contro l'Inter"

Roma, Di Francesco: "Nainggolan titolare contro l'Inter"


"Non esiste un caso-Nainggolan, il giocatore è stato il primo a scusarsi, il primo a mettersi in tribuna insieme ai dirigenti. Si è sempre allenato e sarà titolare contro l'Inter". Lo ha detto Eusebio Di Francesco, allenatore della Roma. "La sua esclusione nell'ultima gara è stata una scelta etica e morale. Ora però preferisco parlare di quello che devo fare per far tornare la Roma di 20 giorni fa". L'avvio dei giallorossi era stato folgorante, ora il passaggio a vuoto. Di Francesco spiega: "Vogliamo tornare ad essere quelli protagonisti in campionato, la squadra che è stata la rivelazione della Champions. Non possiamo essere quelli brutti del primo tempo con l'Atalanta, ho sempre detto che la Roma non ha ancora dimostrato di essere una squadra da scudetto, né in passato né adesso. Però dobbiamo lavorare con positività, ho trovato eccessivi i giudizi negativi di questi ultimi tempi, così come quelli positivi della prima parte di stagione, serve equilibrio, io come allenatore devo trovare il bandolo della matassa per riportare la Roma ai livelli di qualche tempo fa".

sabato 2 dicembre 2017

Anche il Maxismo fa spettacolo. Il calcio in tv meglio di Gomorra



Il Napoli ha sbattuto contro un muro e contro il contropiede. La Juve ha dimostrato che il Maxismo (9 trofei) è ancora più concreto del Sarrismo (deve ancora vincere). Bella sfida filosofica da qui all’Eternità. 8 Allegri Il leader Max(imo)si esalta nelle partite intrise di tattica e agonismo spinto. Infila Matuidi nel centrocampo e la Signora ritrova una chiave della cintura di castità (calcistica). 5,5 L’idealismo del bel gioco va a sbattere contro il realismo della difesa e contropiede. E se ogni tanto Sarri si sfilasse la tuta e la facesse infilare alla squadra? Il Sarrismo annichilito diventa Sarrismo stecchito se il suo apostolo non trova contromisure. 6,5 Dybala Non è solo estetico e nemmeno abulico. Però è un 10 con voglia di essere ancora un 9 e mezzo. Da altruista fa spettacolo (gol di Higuain), da egoista fa frittate. Il numero 10, maglia Juve, che fu Del Piero segnò l’ultimo gol della specie a Napoli. Lui si è limitato all’assist. 6,5 Insigne se la gioca a colpi di fionda. Prova ad imbalsamare Buffon. Ma il portierone è giocatore da scudetto, lui un robot(leggi gioco) di talento che sbatte ancora contro i muri. 5 Pubblico che fa il pienone e si secca gola e bocca a suon di fischi contro Higuain. Perché mai? Venderlo è stato un affare: difficile non capirlo. Meglio credere a quelli in campo. Maradona era unico, gli altri tutti sostituibili. 6Koulibaly se sbaglia appena (vedi gol di Higuain) son dolori per tutta la difesa. Poi sbarra le porte che Albiol apre. 8 Higuain non è un torero camomillo. Il Gonzalo furioso sposa perfettamente il Gonzalo gaudioso. Si diverte lui, impazziscono di rabbia gli altri. E i suoi gol dell’ex diventano una cinquina. 9 al contropiede-gol della Juve. Douglas Costa, Dybala e Higuain ci hanno regalato un condensato di velocità, tecnica e precisione. Quello è calcio spettacolo alla faccia del Sarrismo stecchito. 7 Reina Mandrake abita qui per salvare il Napoli. Una mano per togliere un gol a Higuain, un’altra per evitare il raddoppio Juve ideato per il piede di “sentenza Matuidi”. 5 alla mano sana che il Pipita muove in modo insano. La mano che girava di Luca Toni era uno squillo di felicità, questa è un artificio dialettico per litigare con il cantaNapoli. Meglio l’altra, ancorata ai suo dolori. 5 Mertens partita da talk show più che da calcio show: parla e parla, ma soprattutto litiga. Poi se gli chiedi di tirare in porta… 7 Douglas Costa Speedy Gonzalez: come giocare per vincere una partita. La migliore in maglia bianconera. 5Callejon Pisolo: come dormire per perderla. 7 Buffon Il portierone che non si scorda mai. Parate che contano. Hamsik e Insigne hanno preso nota. C’è chi gioca le grandi partite e chi le vince. Lui ne ha vinte quel tanto per sentirsi ancora grande. Soprattutto se davanti hai una squadra che vale, non una nazionale che dorme. 7 Partita meglio di Gomorra. Spettacolo tv per spettacolo Tv: il calcio si prende successi e rivincite sugli spot a go-go. 7 FIUU! L’hashtag di fiducia di Allegri resta nel cassetto, stavolta la squadra ha retto e vinto da protagonista. Però quei tiri di Insigne potevano farlo riscoprire. Fiuu! Comunque che serata!

venerdì 6 ottobre 2017

QUOTE SNAI ANTEPOST CAMPIONATI MAGGIORI: IL PUNTO DOPO LE PRIME GIORNATE

Quote SNAI antepost campionati maggiori: il punto dopo le prime giornate

Approfittiamo della sosta per le nazionali per analizzare insieme le quote SNAI dei vincenti Serie A, Premier League, Bundesliga, Liga e Ligue 1: come sono cambiate le quote dei favoriti dopo un mese e mezzo di campionato? Scopriamolo insieme. SERIE A – La partenza finora perfetta del Napoli di Sarri (7 vittorie su 7 e +20 in differenza reti) ha costretto i quotisti SNAI a rivedere le quote dell’antepost avvicinando azzurri e Juventus. Ora i bianconeri sono solo leggerissimamente favoriti a quota SNAI 2,10 contro il 2,25 di Mertens e compagni. Decisamente più arretrate nell’antepost, nonostante un’ottima partenza, troviamo Roma e Inter a quota 13. Crollo verticale del Milan che vede la sua quota a vincere lo scudetto addirittura a 30 volte la posta, complice ovviamente i 3 ko già subiti. Chiudiamo con la Lazio a quota 50. PREMIER LEAGUE – City e United a braccetto con 19 punti sui 21 disponibili, seguono Tottenham (14), Chelsea e Arsenal (13) e Liverpool (12). Insomma, anche se i primi distacchi cominciano a essere evidenti, le big sono tutte lì. Nelle quote SNAI la squadra di Guardiola resta la grande favorita a 1,65 contro il 3,75 dei Red Devils di Mou che però come visto dai numeri tengono botta. Una conferma del Chelsea di Conte paga 10 volte la posta. Spurs (che hanno sfiorato il titolo nelle ultime due stagione) in lavagna a 16 mentre Liverpool e Arsenal sono quotate a 35. LIGA – Uno degli inizi di campionato peggiori degli ultimi 20 anni da fatto impennare la quota del Real Madrid nella lavagna SNAI sul vincente del campionato spagnolo. Merengues che partivano praticamente alla pari con il Barcellona, ma ora (complice il quinto posto già a -7 dagli storici rivali) la loro quota è di 2,50 contro l’1,60 della formazione allenata da Valverde. Outsiders a quota 20 (l’Atletico) e 75 (il Siviglia). BUNDESLIGA – Anche in Germania, la partenza non semplice del Bayern (a -5 dal Borussia Dortmund) e l’esonero di Ancelotti è stata la causa di un leggero innalzamento della quota dei bavaresi. Ma la squadra campione in carica, ora affidata a Sagnol, resta sempre la grane favorita per la vittoria secondo le quote SNAI: 1,35 è la quota di Lewandowski e compagni mentre 3,25 è quella dei rivali gialloneri. Lipsia a 30, Hoffenheim a 50 e Schalke a 70 chiudono il cerchio dei team sotto quota 100. LIGUE 1 – Tutto secondo copione invece in Francia dove il PSG dei nuovi gioielli Neymar e Mbappe ha già (sulla carta) ammazzato il campionato. Il +3 sul Monaco vale alla squadra di Emery una quote SNAI di 1,04 a vincere il titolo. I campioni in carica allenati da Jardim sono il lavagna SNAI a 13 volte la posta mentre il Lione vale 75.

giovedì 31 agosto 2017

Juve, Howedes si presenta: 'Sono un leader, inutile il paragone con Bonucci'

Juve, Howedes si presenta: 'Sono un leader, inutile il paragone con Bonucci'

Mentre impazzano le ultime ore di calciomercato, con la Juve ancora impegnata a cercare di sbrogliare la matassa Spinazzola, arriva il momento per Benedikt Howedes di presentarsi ai suoi nuovi tifosi. Questi i temi toccati dal neo-acquisto bianconero in occasione della conferenza stampa di presentazione.

 KHEDIRA - "Ci siamo sentiti, abbiamo anche parlato faccia a faccia. E' un interlocutore ottimo per capire come funzionano le cose, siamo sempre in contatto anche per cercare casa o come occupare il tempo libero. Sarà la mia esperienza, ma è bello avere Sami al mio fianco".

 NAZIONALE - "Alla Juve posso giocare ai massimi livelli, anche per conquistare un posto per il Mondiale". LEADER - "Mi considero un leader, per sei anni sono stato capitano dello Schalke ed anche nel vivaio era così. Qui però mi devo adattare, inutile il confronto con Bonucci perché sono un giocatore diverso con un percorso diverso".

 JUVE - "Impatto importante, ho trovato una realtà dove sono tutti super professionali. Sono in una delle squadre più importanti al mondo. Può essere il passo giusto da percorrere per la mia carriera, sono felice di essere qui. Oggi solo test fisici, per ora non mi sono ancora allenato con gli altri, ci sarà tempo. Allegri mi ha fatto un'impressione splendida, si confermerà ulteriormente. Ho preso questa decisione indipendentemente da chi è stato qui in passato, grandi giocatori tedeschi in passato da Reuter a Kholer. In generale però ci sono sempre stati grandi campioni, basti pensare a Buffon". 

NUMERO 21 - "Il 21 qui è stato vestito da grandissimi nomi, di spicco, penso a Thuram o Dybala. E' un onore poter indossare la maglia ventuno, tra gli ultimi numeri rimasti disponibili questa è stata la scelta migliore per me".

 JOLLY - "Mi definisco un giocatore molto eclettico, posso giocare a tre o a quattro, sia da centrale che come terzino. Al Mondiale ad esempio ho giocato come terzino sinistro, cosa che non avevo mai fatto. Sono spendibile in molte posizioni, penso sia un pregio apprezzato dai miei allenatori. Sono a disposizione della squadra".

 CHAMPIONS - "Non posso dire cosa manca alla Juve, è arrivata in finale due volte in tre anni e significa che la maggior parte delle cose fatte sono giuste. Non penso si debba parlare di cosa manca, ma dei meriti della Juve. Spero di poter far parte di una Juventus che possa sollevare al cielo la Champions League".

 TRATTATIVA - "I primi contatti con la Juve non saprei datarli con certezza, più o meno da sette-dieci giorni abbiamo inziato a sentirci regolarmente. Posso solo dire di essere felice di essere qui e di voler far di tutto per contribuire ai prossimi successi della Juventus".

 ITALIA - "L'Italia è un paese magnifico, dove noi tedeschi veniamo in ferie volentieri. Non ho avuto molto tempo finora per scoprire il paese, spero in futuro di godere al massimo di questa opportunità. Di Torino ho visto poco per ora, ma lo farò perché per me è fondamentale per conoscere al meglio la gente e la realtà in cui mi trovo".

 HIGUAIN - "Ci siamo visti stamattina, non abbiamo parlato della finale di Coppa del Mondo. Il primo giorno non sarebbe il massimo, presentarsi così..."

sabato 24 giugno 2017

CONFEDERATIONS CUP: PORTOGALLO E MESSICO DI MISURA. OGGI GERMANIA-CILE



Nella seconda giornata del gruppo A della Confederations Cup, è bastata una rete di Cristiano Ronaldo per battere la Russia e regalare la qualificazione al suo Portogallo. Padroni di casa ko e costretti a vincere contro un Messico deludente (solo 2-1 in rimonta contro la Nuova Zelanda) per giocare le semifinali. Oggi in campo il gruppo B con Germania e Cile che si sfidano per il primo posto del girone. CI PENSA CR7 – Il Portogallo regola con il minimo sforzo la Russia padrona di casa e vola così al prossimo turno. Fernando Santos sorprende tutti lasciando in panchina Nani, Quaresma e Joao Moutinho e lanciando nella mischia il neo milanista Andrè Silva. Bastano 8 minuti e Ronaldo regala il vantaggio ai suoi con un morbido colpo di testa, su un lungo traversone di Raphael Guerreiro. L’attaccante del Real si fa pericoloso ancora in un paio di occasioni, mentre il primo tempo si chiude con un timido tentativo di Smolov. Russia che non riuscirà mai a centrare la porta nei 90 minuti. La ripresa si apre col miracolo di Akinfeev sul colpo di testa ravvicinato di Andrè Silva. Sono sempre le manovre aeree a rendere i lusitani pericolosi e al 63′ tocca a Ronaldo divorarsi un goal dal limite dell’area piccola. I campioni d’Europa tengono in mano campo e partita con i russi che fanno vedere solo nel recupero su corner. Prestazione incolore della squadra di Cherchesov che ora deve per forza battere il Messico per passare il turno. MESSICO “OMBROSO” – I centroamericani si salvano grazie ad un secondo tempo di orgoglio e rimontano un risultato che avrebbe avuto del clamoroso. A Sochi finisce 2-1 per il Messico ma la squadra di Osorio ha sudato freddo per oltre un tempo rischiando una figuraccia storica. Inizio tutto di marca all backs: prima Smith si rende pericoloso ma viene fermato a pochissimi passi dalla rete, quindi un errore in alleggerimento sulla propria trequarti fa perdere palla al Messico: Nuova Zelanda che si trova faccia a faccia con Ochoa con soli tre passaggi e Wood, su assist di Lewis, non sbaglia. La ripresa è tutta di marca Tri, con Jimenez che, con l’intera difesa avversaria schierata, decide di far da solo e con un tiro quasi no look la mette all’incrocio, da appena dentro l’area. Uno scatenato Aquino (siamo al minuto 72) si mangia tutta la fascia sinistra e mette dentro sul primo palo dove Peralta non sbaglia: rimonta completata e gerarchie ristabilite. Nel finale però altro brivido per il Messico con l’incrocio dei pali che salva Chicharito e compagni su un bellissimo tiro dalla distanza di Thomas. Neozalandesi che escono a testa altissima, messicani che avranno due risultati su tre dalla loro, nel match decisivo contro la Russia. I MATCH DI OGGI – Alle 17 Camerun e Australia si sfidano per rimanere ancora in corsa nel torneo. Entrambe le squadre sono alla ricerca di una loro identità: troppe le lacune nei vari reparti sia per la squadra di Bross sia per quella di Postecloglu, ma a quanto pare i due allenatori non dovrebbero cambiare molto negli undici titolari, rispetto al match d’esordio. Africani favoriti su SNAI a 2,40. Alle 20 il piatto forte della giornata, con i campioni del mondo della Germania che sfidano i campioni del Sudamerica del Cile, in una sfida che vede quote praticamente alla pari. Il match, secondo i quotisti potrebbe regalare goal e spettacolo tanto che l’over 2,5 è quotato solo a 1,55. Leno, dopo gli errori della partita d’esordio potrebbe essere accantonato per Ter Stegen mentre il Cile ritrova Sanchez titolare dal primo minuto.

Le quote su SNAI.it dei match di Confederations Cup di oggi. CAMERUN-AUSTRALIA 2,40 – 3,30 – 3,00 GERMANIA-CILE 2,65 – 3,50 – 2,60